Chieti, alla SEVEL di Atessa USB Lavoro Privato proclama lo sciopero

PRIVILEGI SINDACALI E PROFITTI AZIENDALI

Chieti -

Il 14 aprile ’11 verrà ricordato dai lavoratori Sevel per la resa incondizionata dei confaziendali di fim-uilm e fismic alla dispotica volontà Fiat in cambio di ulteriori privilegi.


L’ AKKORDO siglato porterà nel nostro stabilimento non solo altri trasfertisti(80 operai in distacco da sommarsi ai 250 presenti) dagli stabilimenti FIAT in cassa integrazione,ma conseguenza assai più grave verrà introdotto, senza nessun referendum, quello firmato a Mirafiori il 23 dicembre 2010 che rende inutile il ruolo della r.s.u.


A seguito di un virtuale aumento dei nostri redditi fino a € 23.000, conseguenza del loro inaudito ed impareggiabile impegno degli anni scorsi, Fiat ha deciso di premiarli con 13.000 ore annue di permessi retribuiti; entusiasti hanno dimenticato di discutere ancora una volta il nostro Premio di risultato e di anticipare il piano ferie.


“L’AKKORDO” ci condannerà ad essere sorvegliati non solo dai capi e loro ruffiani, ma anche dai nuovi cani da guardia di fim, uilm e fismic interessati a garantire la pace sociale per non perdere l'elevazione del monte-ore ricevuto.


Nonostante il continuo aumento produttivo, invece di discutere un piano definitivo di stabilizzazione occupazionale, permetteranno all'azienda di sfruttare i nuovi precari(50), anche in modo part-time (lunedì-giovedì-venerdì-sabato), retribuendo loro il sabato in modo ordinario ed obbligandoli al contro-turno in spregio alla normativa sulla sicurezza.


La strategia del metalmeccanico-milionario in pullover è quella di esasperare i ritmi produttivi con la collaborazione dei nuovi cani da guardia e l’utilizzo indiscriminato degli interinali senza nessuna garanzia per il futuro della joint-venture SEVEL.


La nuova metrica denominata ergo-uas ha già prodotto i primi risultati, le saturazioni sono al limite (pari al 99.9% vengono di fatto azzerati i tempi morti) con il prevedibile rischio ed innalzamento delle patologie a carico di tendini ed articolazioni.

I lavoratori interessati e coinvolti nelle ute quali benefici hanno avuto? Riusciranno a fare meglio con 10 minuti di pausa in meno e saranno più riposati come asseriscono lorsignori?


Il metodo partecipativo perseguito dimostra che i vantaggi sono riservati ai soli cani da guardia-confaziendali già nullafacenti.


La solidarietà operaia ed il conflitto sono state e resteranno le uniche possibilità per ottenere condizioni economiche e lavorative migliori.

Per i suindicati motivi proclamiamo

SCIOPERO DI 8 ORE VENERDI’ 22 APRILE ’11 SU TUTTI I TURNI IN TUTTO IL SITO SEVEL.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni