Taranto, vertenza Kratos-Amiu: dopo la mobilitazione USB i sette lavoratori licenziati restano al loro posto

Nazionale -

Il presidio organizzato dall’Unione Sindacale di Base davanti alla sede dell’autoparco Amiu di via Cesare Battisti, ha dato i suoi frutti: la scadenza del contratto dei sette dipendenti della ditta Kratos impiegati con mansione di guardiania presso l’autoparco, è stata prorogata di due mesi.


I sette lavoratori erano stati licenziati a causa della decisione di Amiu di non avvalersi più del servizio. USB aveva dato il via ad un presidio, durante il quale i sette lavoratori si sono incatenati ai cancelli dell’autoparco.

La richiesta era di lasciare i dipendenti al loro posto o di tenerli anche con mansioni differenti. Ieri è arrivata la risposta: l’assessore alle Società partecipate del Comune di Taranto, Gianni Cataldino, il presidente dell’azienda per l’igiene urbana, Carlo Alberto Giusti, ed i dirigenti del settore e funzionari Amiu, hanno formalizzato il rinvio della scadenza del contratto a settembre.


Dopo l’estate le parti si incontreranno di nuono per cercare una nuova collocazione ai sette lavoratori fino a dicembre. “Da dicembre in poi comunque l’impiego sarà garantito per i sette lavoratori in qualsiasi altra gara di appalto – spiega Federico Cefaliello di USB - Per noi rappresenta una grande vittoria, soprattutto perché sono state salvaguardate sette famiglie. Ringraziamo anche l’assessore comunale Cataldino che è intervenuto per risolvere la questione”.



Unione Sindacale di Base Taranto

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati